IL REFLUSSO GASTROESOFAGEO
IL REFLUSSO GASTROESOFAGEO

Terapia farmacologica

La terapia farmacologica si pone come obbiettivo il controllo dei sintomi.

 

Con questo tipo di terapia non si va a trattare la vera eziologia (causa) della patologia (il cattivo funzionamento dei meccanismi antireflusso) ma si procede sostanzialmente secondo due linee di principio: 

 

interporre qualcosa fra il materiale refluito e le pareti esofagee al fine di limitare il tempo di esposizione della mucosa esofagea all'agente lesivo,

 

rendere il materiale refluito il meno lesivo possibile contrastandone l'acidità.

 

Alginati

Sono farmaci a base di alginato. L'alginato è un composto naturale che si ottiene dalle alghe marine. Non ha sapore né odore. Spesso viene usato come additivo alimentare.

I farmaci che hanno come principio attivo l'alginato bloccano il reflusso in modo meccanico. Non hanno cioè un'azione farmacologica vera e propria. Ma agiscono bloccando fisicamente il reflusso.

Quando l'alginato arriva nello stomaco entra in contatto con gli acidi gastrici e forma un gel che galleggia sopra il contenuto dello stomaco. Questo gel funziona da barriera antireflusso. Si posiziona alla bocca dello stomaco e impedisce la risalita di materiale acido nell'esofago.

Gli alginati esistono sotto forma di pastiglie e di sospensione liquida. Hanno un'azione rapida (in genere si prendono dopo i pasti e prima di andare a dormire).

Non interferiscono con la digestione. Non vengono assorbiti.

Per la loro origine naturale e il loro particolare meccanismo d'azione, sono ritenuti farmaci sicuri anche per i bambini, durante la gravidanza e l'allattamento.

Antiacidi

Più indicati per i disturbi causati da cattiva digestione, gli antiacidi sono usati anche per curare il reflusso. Come dice il loro nome, gli antiacidi neutralizzano gli acidi prodotti nello stomaco. In questo modo riducono l'acidità del materiale che risale nell'esofago con il reflusso. I più comuni antiacidi sono a base di alluminio, magnesio o calcio (solitamente carbonato di calcio).

L'azione protettiva degli antiacidi è piuttosto breve. Questi farmaci sono eliminati dallo stomaco molto velocemente (in meno di un'ora). Per questo la loro efficacia è maggiore se sono presi dopo pranzo. Il cibo rallenta lo svuotamento dello stomaco e gli antiacidi rimangono più a lungo nello stomaco.

H2 antagonisti

Questi farmaci bloccano la produzione di acido dello stomaco.

Si chiamano in questo modo perché bloccano i recettori dell'istamina.

L'istamina è una sostanza che stimola la produzione di acido dello stomaco. È prodotta dalle cellule dello stomaco. Una volta rilasciata, si lega a recettori specifici che si trovano sulle cellule dello stomaco che producono acido. Così facendo, l'istamina stimola la produzione di acido.

I farmaci H2 antagonisti riducono la produzione di acido dello stomaco perché bloccano i recettori dell'istamina. Questi farmaci diminuiscono anche la produzione di pepsina (un'altra sostanza acida prodotta dallo stomaco).

I principali principi attivi contenuti in questi farmaci sono: cimetidina, ranitidina, famotidina e nizatidina.

Il loro effetto è maggiore se sono presi circa mezz'ora dopo i pasti (quando la produzione di acido da parte dello stomaco è maggiore).

Gli H2 antagonisti richiedono la prescrizione medica.

Inibitori di pompa protonica

Gli inibitori della pompa protonica bloccano la produzione di acidi da parte dello stomaco. Come dice il loro nome, questi farmaci inibiscono la pompa protonica.

La pompa protonica è un enzima che si trova nelle cellule dello stomaco e serve a produrre acido.

Gli inibitori della pompa protonica riducono di molto la produzione di acido. Il loro effetto dura più a lungo di quello degli H2 antagonisti.

Il loro effetto è maggiore se sono presi 30 minuti prima dei pasti.

I principi attivi più usati sono:

omeprazolo: è il principio attivo capostipite di questa classe di farmaci (il primo ad essere usato);

lansoprazolo;

pantoprazolo;

esomeprazolo: (è quello più nuovo, l'ultimo ad essere impiegato nella formulazione di questi farmaci).

Gli inibitori della pompa protonica sono in genere ben tollerati.

Richiedono la prescrizione medica.

Procinetici

Agiscono stimolando la peristalsi di tutto il tratto gastroenterico migliorando la propulsione del bolo a livello esofageo ed accelarando lo svuotamento gastrico.

I principi attivi più comuni sono: metoclopramide e domperidone.

Sono più efficaci se presi 30 minuti prima dei pasti e prima di andare a dormire.

Richiedono la prescrizione medica.

Stampa Stampa | Mappa del sito
©ilreflusso.com